In scena 40 giovani della compagnia dei giovani di Civate, Malgrate e Valmadrera, guidati da don Tommaso Nava

18274771_220344945118875_69

Domenica 10 dicembre, alle 21, presso il teatro Il Cenacolo Francescano di Lecco, la Compagnia dello Specchio si ripropone con la replica de “Aladin il Musical, musiche dei Pooh”.
Durante lo spettacolo, a ingresso gratuito, saranno raccolte offerte a favore della #casasulpozzo, Progetto Crossing.
Dodici attori e cantanti, tutti sotto i 25 anni, insieme a 23 giovanissimi ballerini, saranno sul palco per rivivere la magia del celebre racconto persiano tratto dalla raccolta de “Le mille e una notte”.
Dietro di loro, però, un grande impegno, reso possibile da una decina di scenografi e da un gruppo di costumiste e sarte, tutti coordinati da otto responsabili, anch’essi under 30, con la direzione del sacerdote valmadrerese don Tommaso Nava.

Partiti a settembre del 2015, i giovani – tutti di Valmadrera, Civate e Malgrate – hanno deciso di portare in scena la storia del giovane Aladin, che cerca di conquistare la bellissima Jasmine con l’aiuto dell’istrionico genio, contrastato dal malvagio Jafar.
La compagnia si è già esibita con successo lavorando su pietre miliari della storia dei musical, quali “Aggiungi un posto a tavola” nel 2013 e “Forza venite gente” l’anno successivo.

Le offerte raccolte saranno devolute al sostegno delle varie attività del progetto Crossing de La Casa sul Pozzo di Lecco.
Il progetto ha promosso percorsi d’integrazione per adolescenti stranieri con un’attività di sostegno scolastico, un’azione di mediazione con le famiglie dei ragazzi e gli insegnanti, un’azione volta alla promozione del protagonismo dei ragazzi stranieri, un’azione rivolta a sostenere l’incontro e la realizzazione di esperienze comuni tra ragazzi stranieri e italiani, una serie di attività legate alla promozione della cittadinanza attiva, degli interventi a sostegno del benessere degli adolescenti e del processo di elaborazione di un’identità complessa caratterizzata da diverse appartenenze culturali.
Clicca qui per approfondire.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi