Punto di partenza della riflessione sarà il Sinodo straordinario del 2014, che ha espresso preoccupazione per la «crisi» della famiglia, e ha aperto un dibattito acceso. Ne parleranno il vaticanista Valli, don Vinicio Albanesi e i coniugi Colzani

famiglia

Martedì 26, alle 17.30, presso il Centro Culturale San Fedele di Milano, riflessioni e provocazioni sul tema “C’era una volta la famiglia”, con la partecipazione di Aldo Maria Valli, autore di Chiesa ascoltaci!, di don Vinicio Albanesi, autore di Ripensare la famiglia, e di Alfonso Colzani e Francesca Dossi, per 5 anni responsabili del Servizio Famiglia della Diocesi di Milano. 
Le testimonianze raccolte da Aldo Maria Valli nel libro Chiesa ascoltaci! (in libreria dal 21 maggio) e le proposte di don Vinicio Albanesi in Ripensare la famiglia (in libreria dal 4 giugno) aprono una finestra sul vasto ed eterogeneo mondo delle coppie «irregolari».
Punto di partenza della riflessione sarà il Sinodo straordinario del 2014, che ha espresso preoccupazione per la «crisi» della famiglia, e ha aperto un dibattito acceso. In generale però, nella discussione pubblica è mancata proprio la voce di una parte significativa delle persone coinvolte: gli «irregolari» credenti. 
Il mosaico è variegato, ma l’elemento comune, oltre alla situazione di «irregolarità» rispetto alle norme fissate dalla Chiesa, è la fede. Una fede appassionata. È importante tenere presente un dato di partenza: non siamo semplicemente nel campo delle teorie, delle dottrine, delle speculazioni astratte. Non si parla di «irregolari» senza volto, ma di uomini e donne con i loro nomi e le loro storie. Ecco dunque il motivo di questi libri e di questo incontro, che nel loro piccolo, vogliono essere  anche un servizio al cammino sinodale, in un’ottica costruttiva.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi