Es 12,29-34; Sal 77; Lc 5,12-16 Signore, se vuoi puoi sanarmi. ‘Lo voglio, sii purificato!’. (Lc 5) Nulla è impossibile a Dio, ma la sua volontà non impedisce mai la decisione personale. Gesù guarisce le infermità, risana il lebbroso, non lo evita, anzi, lo tocca, lo accoglie e non gli imputa alcuna colpa. Lo rimanda all’osservanza delle leggi e al rispetto delle tradizioni. Neppure teme l’incontro della folla che a lui si rivolge per essere guarita dalle malattie, ma si sottrae a quanti tentano di trasformarlo in un ‘guaritore’, un facitore di prodigi. D’altro canto, però, Dio non resta inerte di fronte alle sofferenze del suo popolo e mantiene le promesse; al faraone ha chiesto a più riprese di lasciare andare gli israeliti, infine, dopo l’ennesimo rifiuto, pone la prova più grande: contro la volontà di Dio c’è solo morte, unica alternativa alla vita rifiutata. La grande prova del faraone si conclude ed inizia il cammino di ritorno alla terra promessa del popolo d’Israele. Preghiamo col Salmo Li guidò con sicurezza e non ebbero paura, ma i loro nemici li sommerse il mare. Li fece entrare nei confini del suo santuario, questo monte che la sua destra si è acquistato.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi