1Sam 10,17-26; Sal 32; Lc 10,13-16 Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perchè se a Tiro e a Sidone fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. (Lc 10, 13) E’ la seconda volta che l’evangelista Luca ci riferisce dei “Guai” pronunciati da Gesù ed è bene far memoria di quei primi “guai” per gettare luce su questi. Si trattava allora di quattro “guai” che facevano da contrasto alle quattro beatitudini (Lc 6,24): non una minaccia, ma la costatazione sof-ferta della radicale infelicità a cui è esposto chi si sente soddisfatto e sazio per il possesso di beni destinati a perire. Ora Gesù si rivolge con lo stesso tono alle città nelle quali con parole e gesti ha moltiplicato l’annuncio della grazia di Dio e gli appelli alla conversione. Possiamo indovinare il suo sguardo addolorato mentre dice: “Guai”, sguardo di chi sa di aver fatto tutto il possibile, di non poter forzare la li-bertà altrui, di essere stato mandato dal Padre e a lui poter rimettere ogni giudizio, di avere come possibilità ultima per riscattarci dalla maledizione quella di divenire lui stesso maledizione per noi (Gal 3,13) al termine del suo viaggio a Gerusalemme. Preghiamo L’uomo nella prosperità non comprende, è come gli animali che periscono. Questa è la sorte di chi confida in se stesso, l’avvenire di chi si compiace delle sue parole. (dal Salmo 48) [La Parola ogni giorno – Comunione inseparabile con il Signore. Luogo del nostro riposo – Settimane dopo Pentecoste 2010 – Centro Ambrosiano]

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi