I Domenica di Avvento

Is 24,16b-23; Sal 79 (80); 1Cor 15,22-28; Mc 13,1-27

Mentre stava sul monte degli Ulivi, seduto di fronte al tempio, Pietro, Giacomo, Giovanni e Andrea lo interrogavano in disparte: “Di’ a noi: quando accadranno queste cose e quale sarà il segno quando tutte queste cose staranno per compiersi?”. (Mc 13,3-4)

Contempliamo Gesù – maestro che sta parlando coi suoi discepoli – seduto di fronte al tempio di cui ha appena predetto la distruzione. I suoi erano rimasti ammirati dalla bellezza e dalla grandiosità della costruzione; preoccupati per ciò che stava loro così a cuore, osano chiedergli qualche cosa in privato. Inevitabile una domanda sulle cose che devono ancora accadere. Gesù aiuta a comprendere il presente, non intende predire il futuro disegnando scenari apocalittici; non sottolinea nulla circa la morte dei discepoli, preferisce dare consigli sapienziali su come affrontare il momento. Quello che conta non è la data della distruzione di Gerusalemme e della maestosità del suo tempio: interessa la modalità con cui vivere l’attesa del Signore. Tutto è nelle mani del Padre, inutile pretendere di sapere quando sarà la fine del mondo! Non il futuro, ma il presente è tempo da vivere come figli e fratelli. Come vivo ora questo tempo di grazia?

Preghiamo

Signore, Dio degli eserciti, fino a quando fremerai
di sdegno contro le preghiere del tuo popolo?
Tu ci nutri con pane di lacrime,
ci fai bere lacrime in abbondanza.

Dal Salmo 79 (80)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi