Ottava del Natale nella circoncisione del Signore

Num 6,22-27; Sal 66 (67); Fil 2,5-11; Lc 2,18-21

Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. (Lc 2,18-19)

Il racconto dei pastori della nascita di Gesù, nell’umiltà e nel nascondimento di una notte singolare, provoca in tutti stupore, meraviglia, incredulità per qualcosa di inatteso. Maria, la madre, invece, tace; attorno a lei c’è silenzio. Silenzio per comprendere, interiorizzare quanto successo. Silenzio per custodire, avere cura, prestare attenzione sollecita, premura costante, per non perdere nulla di quanto è successo, per rileggere “dall’interno” le meraviglie che Dio compie nella vita dell’umanità. Maria medita, riflette, si concentra. Non è un lavorio della mente, è un appassionato affidarsi del cuore. Anche lei ha bisogno di capire, ma sa che la Parola fatta carne può agire in lei nel tempo e nella disponibilità paziente. Il mistero è grande e chiede fiducia e obbedienza. Maria che custodisce è innanzitutto custodita dal Signore. Proviamo a capire, guidati da Maria, cosa vale davvero la pena custodire nel nostro cuore, affinché divenga dono gratuito per gli altri.

Preghiamo

Il Signore ti benedica e ti protegga!
Il Signore faccia risplendere il suo volto su di te
e ti sia propizio!
Il Signore rivolga verso di te il suo volto
e ti dia la pace!

Num 6,24-26

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi