Giovedì della settimana della I Domenica dopo il martirio di San Giovanni il precursore

1Gv 2, 12-17; Sal 35 (36); Lc 16,16-18

Non amate il mondo, né le cose del mondo! Se uno ama il mondo, l’amore del Padre non è in lui; perché tutto quello che è nel mondo – la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita – non viene dal Padre, ma viene dal mondo. E il mondo passa con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio rimane in eterno!  (1Gv 2,15-17)

Il cristiano è chiamato a distinguere con chiarezza, non ama una vita fatta di mezze misure in cui tutto è accettabile. Giovanni invita ciascuno a definire con attenzione se ciò che incontra venga dal Signore o al contrario si opponga a lui, si tratta di capire se si vuol passare ogni giorno seguendo un’attrattiva differente, spesso destinata ad appagare una voglia passeggera e privata, oppure se si vuole costruire un’esistenza che diventa storia perché si basa sul Signore e a partire da quel centro si allarga ad ogni essere umano.

Preghiamo con il Salmo

Signore, il tuo amore è nel cielo,
la tua fedeltà fino alle nubi,
la tua giustizia è come le più alte montagne,
il tuo giudizio come l’abisso profondo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi