Trasfigurazione del Signore

 

2Pt 1,16-19; Sal 96; Eb 1,2b-9; Lc 9,28b-36

 

«Il Signore Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. Mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elia, apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme. Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui.». (Lc 9,28-32)

 

Festa di luce che ci rivela la realtà della vita futura, soprattutto quindi festa di speranza, certezza che la nostra vita continua in Dio. «Rabbì, è bello per noi stare qui» dicono i discepoli a Gesù. ‘Essere qui’, essere in Dio, è bello. Possiamo guardare alla morte con occhi diversi, con occhi di speranza, se viviamo uniti a Gesù.

Ma Pietro dimostra anche di non avere ancora compreso cos’è la vita in Dio e propone di fare tre capanne,  per stare lì in una condizione di grande privilegio, vicini a Dio, ma la vita in Dio è comunione. E la possiamo realizzare già ora, se ci lasciamo abitare e guidare dallo Spirito Santo, dono di Gesù, che ci introdurrà alla comunione col Padre.

 

 

Preghiamo col Salmo

 

Il Signore regna: esulti la terra,

gioiscano le isole tutte.

Nubi e tenebre lo avvolgono,

giustizia e diritto sostengono il suo trono.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi