2Cr 29,1-12a.15-24a; Sal 47; Lc 12,8b-12

 

Il Signore Gesù disse: «Chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio. Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato».  (Lc 12,8-10)

 

Parole forti quelle di Gesù, categoriche, ma che di fatto rispetta la libertà e l’impegno di vita di ogni persona. Non richiede azioni o precise devozioni, ma la piena accoglienza dell’azione salvifica di Dio che ha donato il Figlio fatto uomo e lo Spirito Santo che sostiene la speranza e la capacità di vita di ogni essere umano.

Anche le parole del re Ezechiele rivolte al popolo e ai sacerdoti, dopo che ebbe restaurato il Tempio, sono chiare nel richiamare tutto il popolo ed ogni persona alla fedeltà al Signore e alla retta vita.  Sono le scelte insane, di violenza, di falsità, di prevaricazione, che producono conseguenze di dolore e di morte. Ezechiele stabilisce un’alleanza con Dio perchè abbia misericordia verso il popolo, ma il popolo deve ritrovare la giusta fede.

 

Preghiamo col Salmo

 

Grande è il Signore e degno di ogni lode

nella città del nostro Dio.

La tua santa montagna, altura stupenda,

è la gioia di tutta la terra.

Il monte Sion, vera dimora divina,

è la capitale del grande re.

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi