IV giorno dell'ottava di NataleSs. Innocenti Martiri

 

Ger 31,15-18.20; Sal 123 (124); Rm 8,14-21; Mt 2,13b-18

 

«Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo. Giuseppe si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto».    (Mt 2,13c-14)

 

È nato da poco eppure Gesù da fastidio e fin da subito lo si vuole eliminare. Lo si vede come persona scomoda. Erode è l’immagine della nostra umanità. Essa ha paura di Dio e lo vede come un suo nemico. Non vuole però apparire senza Dio ed allora si costruisce una moltitudine di idoli. Apparentemente è con Dio ma realmente è senza Dio e contro Dio. L’arroganza e la prepotenza vuole porre fine alla vita del re di Israele appena nato e, per colpirlo, Erode fa uccidere tutti i bambini di Betlemme dai due anni in giù: per essere sicuro della sua impresa, ordina il massacro generale. Dio però veglia sulla vita di suo figlio. Ordina a Giuseppe di prendere il bambino e sua madre e di andare in Egitto. Dovrà rimanere fino a quando non riceverà l’ordine di ritornare. L’obbedienza dell’uomo è sempre necessaria a Dio nell’opera di salvezza dei suoi amici. Senza l’obbedienza Dio può fare ben poche cose. Per l’obbedienza di Giuseppe il Signore può realizzare la redenzione del mondo. I bambini di Betlemme uccisi con l’intento di colpire Gesù sono il primo sangue innocente versato per la causa della fede e della verità. Sono tutti veri martiri e la Chiesa li onora. Il loro è il primo sangue versato che si unisce al sangue di Cristo per lavare il mondo dal peccato, dall’incredulità, dall’idolatria, dall’empietà e dalla falsità.

 

 

Preghiamo

 

Quanto mi hanno perseguitato fin dalla giovinezza

– lo dica Israele -,

quanto mi hanno perseguitato fin dalla giovinezza,

ma su di me non hanno prevalso!

Il Signore è giusto: ha spezzato le funi dei malvagi.  

  (Sal 129)

                                                                                                                                 

 

[da: “La Parola ogni giorno. Io spero nel Signore. Avvento e Natale 2015”, Centro Ambrosiano, Milano]

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi