1Tm 4, 6-15; Sal 56; Lc 22, 35-37

 

 

"Allénati nella vera fede, perché l’esercizio fisico è utile a poco, mentre la vera fede è utile a tutto, portando con sé la promessa della vita presente e di quella futura. Questa parola è degna di fede e di essere accolta da tutti. Per questo infatti noi ci affatichiamo e combattiamo, perché abbiamo posto la nostra speranza nel Dio vivente". (1Tm 4)

 

Di esempio dei fedeli deve essere Timoteo, e deve allenarsi come un atleta che vuol dare il meglio di sè. L’attenzione a cui Paolo invita il discepolo è verso la vera fede che porta con sè la promessa della vita presente e di quella futura. Lo sforzo di ben camminare nella missione affidata poggia sulla speranza nel Dio vivente che accompagna e garantisce il ministero cui è chiamato il discepolo. In lui c’è un dono spirituale che va alimentato e protetto con una condotta ispirata alla giustizia e alla carità. Ogni carisma ricevuto va accompagnato ad una testimonianza di vita.

Così Gesù assicura la sua vicinanza a quanti sono investiti di una missione, ma insieme devono anche dotarsi del necessario apparato di conoscenza e di formazione.

 

 

Preghiamo col Salmo

 

In te si rifugia l’anima mia;

all’ombra delle tue ali mi rifugio.

Invocherò Dio, l’Altissimo,

Dio che fa tutto per me.

Mandi dal cielo a salvarmi,

Dio mandi il suo amore e la sua fedeltà.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi