1Tm 6, 1-10; Sal 132; Lc 24, 44-48

 

Si deve accettare integralmente il vangelo e non seguire il proprio orgoglio da cui deriva ogni male.  (1Tm 6)

 

L’apostolo Paolo sollecita il discepolo Timoteo a prendere sul serio il vangelo in ogni condizione di vita, persino lo schiavo deve agire correttamente, e nessuno può arrogarsi il diritto di insegnare in nome di Gesù ciò che invece non è conforme alla parola divina. E, nella consapevolezza che nulla abbiamo portato in questo mondo e nulla possiamo portarci via, si deve deporre ogni ingordigia ed accontentarsi nelle condizioni di vita in cui ci si viene a trovare. Ben ricordando che l’avidità di denaro è la radice di tutti i mali e per conseguire potere e denaro si distruggono valori e cammini di fede.

Le parole di Gesù, rivolte ai discepoli dopo la sua resurrezione, sono un’ulteriore affermazione delle veridicità di quanto accaduto al Figlio di Dio. La sua morte non è avvenuta per caso, nè come imprevisto incidente, ma tutta la Scrittura dei tempi antichi aveva preparato a tale evento salvifico che fonda il disegno divino della salvezza umana. 

I discepoli e la Chiesa altro non devono predicare e testimoniare che il mistero della Pasqua, sorgente di vita nuova e di salvezza per tutti.

 

Preghiamo col Salmo

 

Ecco, com’è bello e com’è dolce

che i fratelli vivano insieme!

È come la rugiada dell’Ermon,

che scende sui monti di Sion.

Perché là il Signore manda la benedizione,

la vita per sempre.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi