Gen 2,4b-17; Sal 1; Pr 1,1-9; Mt 5,1-12a

 

Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: “Beati i miti,perché avranno in eredità la terra”. (Mt 5,1-2.5)

 

 

Gesù,il vero mite che entra nella CittàSanta seduto su un asino, ci invita a imparare dal suo cuore “mite e umile” (Mt. 11,29). La mitezza è un atteggiamento del cuore per cui non si ricorre alla forza impositiva, piuttosto alla forza di persuasione e alla verità.

La non violenza esclude totalmente la prepotenza e da passo a un linguaggio d’amore.

In questi tempi apparentemente dominati dall’inganno e dall’abuso, dalla concorrenza e dall’arrivismo, parlare di mitezza è una chiamata alla autenticità cristiana, alla libertà, al valore e alla forza di non lasciarsi guidare dalla prepotenza e dall’aggressività, per stabilire in questa terra un mondo più umano.

 

 

Preghiamo

Confida nel Signore e fa’ il bene:

abiterai la terra e vi pascolerai con sicurezza.

Cerca la gioia nel Signore:

esaudirà i desideri del tuo cuore.

Affida al Signore la tua via,

confida in lui ed egli agirà.

Desisti dall‘ira e deponi lo sdegno, non irritarti:

chi spera nel Signore avrà in eredità la terra.

I poveri avranno in eredità la terra

e godranno di una grande pace

(dal Salmo 37)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi