Dt 24,17-22; Sal 9; Rm 14,1-9; Mt 12,1-8

 

In quel tempo Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle. Vedendo ciò, i farisei gli dissero: “Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato”. Ma egli rispose loro: Se aveste compreso che cosa significhi: Misericordia io voglio e non sacrifici, non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell‘uomo è signore del sabato”. (Mt. 12,1-2.7-8)

 

Gesù viene a questo mondo, ci ricorda e manifesta pienamente come è il Padre e pone speciale attenzione in gesti e parole che rivelano la sua incommensurabile misericordia.

Il discepolo di Cristo è chiamato a imitare la invincibile tenerezza del Signore; per questo non può stancarsi con nessuno, né può chiudere il suo amore e la sua mano. Gesù ci offre la vita: una qualità di vita che si sforza di superare i limiti delle rivalità e contrasti, per accedere all’amore e alla comprensione, liberi dalla violenza e le invidie, capaci di sanare le ferite e non infliggerle, iniettando nella comunità e nella società una maniera di vivere più umana.

Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso” Lc 6,36.

 

Preghiamo

 

Signore, chi abiterà nella tua tenda?

Chi dimorerà sulla tua santa montagna?

Colui che cammina senza colpa, pratica la giustizia

e dice la verità che ha nel cuore.

dal Salmo 15)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi