Qo 12,1-8.13-14; Sal 18; Mc 13,28-31

Conclusione del discorso, dopo aver ascoltato tutto: temi Dio e osserva i suoi comandamenti, perché qui sta tutto l’uomo. / Infatti, Dio citerà in giudizio ogni azione, anche tutto ciò che è occulto, bene o male. (Qo 12)

 

La giovinezza è piacevole ma effimera: vi succedono i giorni tristi della vecchiaia, dove il gusto di vivere quasi scompare. E’ anche questo un segno della vanità intima che affligge l’uomo e i suoi anni. E’ il messaggio che dobbiamo raccogliere, insieme alla convinzione che sopra tutto sta Dio, non intaccato da questa vanità, e che chiamerà a giudizio secondo le scelte che si sono compiute.
Così insegna anche Gesù che invita i discepoli a riflettere sul passare del tempo per cogliere i segni della venuta del Signore, nella certezza che neppure una sillaba della sua parola andrà dispersa nè tramonterà.

 

Preghiamo col Salmo

Ti siano gradite le parole della mia bocca;
davanti a te i pensieri del mio cuore, Signore,
mia roccia e mio redentore.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi