Ct 5,6b-8; Sal 17(18); Fil 3,17-4,1; Gv 15,9-11

 

«Questo vi ho detto perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena». (Gv 15,11)

 

L’Amata del Cantico vive il dramma della lonta­nanza e della separazione, in quel gioco, che pare crudele, di nascondimento e manifesta­zione da parte dell’Amato. Sperimentando la differenza tra assenza e presenza la Sposa può, in piena libertà, conoscere la verità su di sé: dove è a casa, e dove è, inve­ce, fuori posto, come un osso slogato!

Questo gioco di assenza /pre­senza è una realtà spirituale tanto comunitaria che perso­nale. Dio che è amore, ama, desidera, vuole (ma non pre­tende!) essere amato e a questo ci educa: fino allo svuo­tamento, alla lacerazione, al grido, alla nostalgia. È un lavoro che dura tutta l’esistenza: riconoscere il nostro posto, la nostra cittadinanza, quale gioia ci colma e quale no. È drammatico ma non è una tragedia. Il finale è la Festa, il trionfo di quel Dio che sarà tutto in tutti (1Cor 15,28).

 

Preghiamo col Salmo

Ti amo, Signore, mia forza,
Signore, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore,
mio Dio, mia rupe, in cui mi rifugio;
mio scudo, mia potente salvezza e mio baluardo.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi