At  11,19-26; Sal 86(87); Gv 6,60-69
 

“Tu hai parole di vita eterna”.                  (Gv 6,69)

 

I molti discepoli che si ritirano, non vogliono credere. La concretezza e la misurabilità del pane che li ha saziati, invece che dono, diventa criterio:”tu fa quello che ti chiediamo noi, altrimenti non ci interessa seguirti…”. Loro sanno quello che vogliono, non hanno bisogno di ciò che un altro può loro proporre. Pietro, invece, è uno di quei “piccoli” di cui parlavamo ieri. Lui è un pescatore e sa benissimo che non sempre alla fatica corrisponde un risultato (Lc 5,1-5; Gv 21,1-3).

Non sempre il nostro agire, il nostro pensare bastano a noi stessi. Questo può gettarci nella disperazione, oppure può aprirci alla gratitudine e alle sorprese di Dio. Pietro si sente attratto da Gesù Signore e maestro, dalla vita eterna di cui parla, dal Padre, dagli orizzonti che gli vengono spalancati davanti. Non gli è tutto chiaro. Ma si fida. Di Gesù.

 

Preghiamo

 

Quanto è prezioso il tuo amore , o Dio!

Si rifugiano gli uomini all’ombra delle tue ali,

si saziano dell’abbondanza della tua casa:

tu li disseti al torrente delle tue delizie.

E’ in te la sorgente della vita,

alla tua luce vediamo la luce.                         

      (dal salmo 35)

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi