1Gv 4, 1-6; Sal 72; Lc 17,11-19

 

Figlioli miei, non prestate fede ad ogni spirito, ma mettete alla prova gli spiriti, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono venuti nel mondo. (1Gv 4)

 

Gesù ha pietà dei lebbrosi e li risana, senza chiedere loro alcuna condizione, e li rimanda alla comunità di appartenenza. E’ questo un segno messianico di grande luminosità: il regno di Dio è venuto; l’umanità è risanata ed è Gesù che opera la salvezza senza interventi di altri. Ma anche davanti ad un fatto prodigioso come la guarigione dalla lebbra, non è immediato il credere e riconoscere l’opera salvifica di Gesù.

Dei dieci miracolati, uno solo si volge a Gesù per ringraziarlo; anche in questa occasione di carità, è un Samaritano che si distingue da tutti gli altri, lui che era considerato straniero, impuro, lontano dalla fede dei Padri.

Quello che il vangelo vuole dirci è che la fede rende puri, fa scoprire e onorare il vero Dio e ne fa percepire le opere.

 

 

Preghiamo col Salmo

 

Quando era amareggiato il mio cuore

e i miei reni trafitti dal dolore,

io ero insensato e non capivo,

stavo davanti a te come una bestia.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi