Ger 3,6a;5,15-19; Sal 101 (102); Zc 3,6.8-10; Mt 13,53-58

 

«In quel giorno – oracolo del Signore degli eserciti – ogni uomo inviterà il suo vicino sotto la sua vite e sotto il suo fico».

(Zc 3,10)

 

L’invito di Zaccaria è quello di dare al quotidiano un volto di umanità attraverso gesti semplici di accoglienza e di prossimità: un saluto, uno scambio di parole, una telefonata, l’ascolto, un caffè insieme, una visita ad un malato o ad un amico.

Fare il primo passo, prendere per primi l’iniziativa e non attendere o delegare ad altri quel gesto, quella parola, quell’interessamento. Sono semi e segni di nuova umanità l’incontro di famiglie e volontari in alcune occasioni di festa. Intere famiglie e tanti bambini che si ritrovano insieme attorno ad una tavola per condividere una festa, ma anche la vita di tutti i giorni con i suoi travagli, le sue gioie, le sue attese e speranze.

È un modo di stare insieme alla pari e che unisce: donne, uomini, bambini, di nazionalità e culture diverse che abitano la città, percorrono le stesse vie, vivono i problemi comuni a tutti. Chi vive in modo isolato e poche relazioni extra familiari, difficilmente è capace di vivere insieme!

È una grande festa di volti e di nomi non più anonimi, ma amici.

 

 

Preghiamo

 

I miei giorni declinano come ombra

e io come erba inaridisco.

Ma tu, Signore, rimani in eterno,

il tuo ricordo di generazione in generazione.

(dal Sal 101)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi