Ger 3,6a;5,1-9b; Sal 105 (106); Eb 2,8b-17; Mt 12,43-50

 

«Tuttavia quel Gesù, che fu fatto di poco inferiore agli angeli, lo vediamo coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha sofferto, perché per la grazia di Dio egli provasse la morte a vantaggio di tutti».

(Eb 2,9)

 

Conversione è la parola chiave con cui abbiamo accostato i testi biblici di questa seconda settimana di Avvento che si è aperta con la predicazione di Giovanni Battista e si chiude con un brano tratto dalla lettera agli Ebrei.

L’apostolo mette al centro della sua riflessione il mistero della Pasqua: Gesù realizza la salvezza anticipata dalle Sacre Scritture. Gesù, nella sua natura umana e divina, nel suo amore fino alla morte in croce, esprime il giudizio di salvezza sull’uomo.

A differenza di Giovanni Battista che battezza chi ha riconosciuto il proprio peccato, Gesù dona a tutti la salvezza gratuitamente, ancor prima del pentimento.

In Gesù, è apparsa la grazia di Dio e la conversione al suo Vangelo si fonda non sul timore del giudizio, ma sulla fede in Lui.

 

Preghiamo

Salva la tua creatura, Signore,

l’uomo che porta l’immagine tua:

che non rovini per sempre nel male

chi hai redento col sangue da morte.

Fa della Chiesa un paese di liberi,

una splendente città di salvati!

(D. Turoldo)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi