1Gv 1,1-4; Sal 144; Lc 15,8-10

 

Dio ci viene incontro con la cura sollecita di chi difende il suo tesoro prezioso; ci cerca con la preoccupazione e l’ansia della donna che ha perduto la sua moneta e rovista tutta la casa per ritovarla. (Lc 1)

 

L’apostolo ed evangelista Giovanni con la sua lettera ci introduce nel mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio. Un testo questo usato nella liturgia natalizia e che trova collocazione proprio in questa settimana dopo il Martirio del Battista, ultima figura veterotestamentaria che passa il testimone al Cristo, il Messia promesso ed atteso.

Giovanni ci mostra come Gesù sia davvero il Messia preannunciato e come sia venuto nel mondo per salvare l’umanità, come egli abbia dato prova della sua divinità comunicando agli uomini la vita eterna. Accogliere questo annuncio porta con sè l’impegno di farsi testimone e a nostra volta annunciatori dell’incarnazione di Dio.

 

Preghiamo col Salmo

 

Una generazione narri all’altra

la bontà del Signore.

Grande è il Signore e degno di ogni lode,

senza fine è la sua grandezza.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi