Sir 44,1;48,1-14; Sal 77; Mc 4,26-34

 

"Invocarono il Signore misericordioso, tenendo le mani verso di lui, e il Santo li ascoltò subito da cielo e li liberò per mezzo di Isaia". (Sir 48)

 

Le vicende della vita delle singole persone e dei popoli, sono da leggere entro il grande disegno di Dio che a tutti provvede e a tutti chiede fedeltà e giustizia.

Ma il regno di Dio ha una sua legge di crescita e di maturazione, non segue i tempi brevi della nostra aspettativa, talora si estende su archi di spazio temporale molto ampi e che noi non riusciamo a scorgere interamente. Gesù ci insegna questa pazienza e tenacia nell’attesa: il disegno del Padre progredisce nel silenzio e infallibilmente con una sua energia nascosta, come il seme nella terra che si trasforma e diventa pianta.  Gesù ci insegna ad avere la pazienza dell’attesa e la forza della speranza: entrambe scaturiscono dalla parola di Dio che non muta e non tradisce. Insieme alla fiduca che la sua grazia ci sostiene anche nei momenti di incertezza o di oscurità.

 

Preghiamo col Salmo

 

Ricordarono che Dio è la loro roccia

e Dio, l’Altissimo, il loro redentore;

lo lusingavano con la loro bocca,

ma gli mentivano con la lingua:

il loro cuore non era costante verso di lui

e non erano fedeli alla sua alleanza.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi