2Mac 4,7-12a.13-17a; Sal 93; Lc 3,15-18

 

«Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: “Io vi battezzo con acqua; ma viene Colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i legacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco». (Lc, 3,15-18)

 

Giovanni portava al popolo la buona notizia, la bella notizia: l’avvento del Regno che si manifestava in Gesù. La bella notizia, in questo brano, si può cogliere in due affermazioni: viene Colui che è più forte di me, e vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco.

Giovanni sa molto bene qual è il suo ruolo: annunciare la venuta del Messia e piegare il cuore degli uomini ad accoglierlo. Egli evangelizza con linguaggio profetico, invitando soprattutto all’attesa e alla purificazione. Ma l’attesa può essere colmata solo da Gesù, il “Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità, in cui è la luce e la vita degli uomini” (cfr. Gv 1).

 

Preghiamo col Salmo

 

Fino a quando i malvagi, Signore,

fino a quando i malvagi trionferanno?

Calpestano il tuo popolo, Signore,

opprimono la tua eredità.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi