Novena di Natale

IV feria prenatalizia “dell’Accolto”

Ebrei: prima sera di Chanukkà (1)

 

Rut 2,19-3, 4a; Sal 17 (18); Est 7,1-6; 8,1-2; Lc 1,57-66

 

«Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».         (Lc 1,61)                                     

 

È una scena di grande gioia. Nella casa di Zaccaria, Elisabetta, che era sterile, dà alla luce Giovanni, “perché nulla è impossibile a Dio” (Lc 1,37). Vicini e parenti sono festanti “perché il Signore aveva manifestato in lei la sua misericordia” (Lc 1,58). E quando stanno per circoncidere il bambino, seguendo le buone consuetudini vorrebbero chiamarlo Zaccaria, come suo padre, come la tradizione suggerisce, – si è sempre fatto così -occorre dare il nome di un parente per rispetto della memoria. Elisabetta risoluta dice: “No si chiamerà Giovanni” (Lc 1,60), ma la moglie – al solito – viene ignorata e Zaccaria conferma su una tavoletta “Giovanni è il suo nome” e così il silenzio finisce.  Zaccaria ora obbedisce, ora collabora al disegno di Dio. Prepariamoci al Natale attraverso il silenzio per riflettere e meditare:  per poter scoprire la volontà di Dio che è una volontà di salvezza, solo così potremo scoprire la volontà di Dio che è una volontà di salvezza.

 

Preghiamo

O Dio, risveglia la tua forza e vieni;

fedele alla tua promessa,

resta con la tua Chiesa ogni giorno,

sino alla fine del mondo.                                    (dalla liturgia)

 

(1) Festa della  Dedicazione,  in  ricordo  della  nuova  consacrazione  del  tempio di Gerusalemme. Si accende una candela al giorno per nove giorni nel candelabro a nove bracci, il nono braccio serve per accendere i vari lumini.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi