Gc 3,13-18; Sal 36; Lc 19,11-27

Non si deve vivere pigramente, ma con impegno laborioso, mettendo a frutto i doni ricevuti da Dio. (Lc 19)

Ci sono varie interpretazioni della felicità in terra, molte però contrastano con la linea di giustizia e verità indicata da Dio. Chi stima che la felicità stia nella vita squilibrata, nei continui festini, nella malvagità e nel potere su altri, subirà il castigo, fin da ora, perchè sarà schiavo della sua stessa corruzione.

Chi è saggio mostri con la buona condotta – ci dice l’apostolo giacomo – che le sue opere sono ispirate a mitezza e sapienza. A maggior ragione, chi ha avuto la possibilità di conoscere Gesù Cristo e si lascia invischiare in situazioni di vita sbagliate, sarà più responsabile di chi non ha avuto le stesse possibilità di partenza.

Gesù insegna a chi lo incalza per sapere quando sarà l’ultimo giorno, che bisogna essere laboriosi e mettere a frutto i talenti, ognuno al proprio meglio, perchè è quanto Dio ci ha dato in dono, senza fare i conti di un domani prestabilito, ma ponendo nelle mani di Dio il futuro proprio e degli altri.

Preghiamo col Salmo

Affida al Signore la tua via,

confida in lui ed egli agirà:

farà brillare come luce la tua giustizia,

il tuo diritto come il mezzogiorno.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi