VII giorno dell’ottava di Natale
 

 

Mi 5,2-4a; Sal 95 (96); Gal 1,1-5; Lc 2,33-35

 

«Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione – e anche a te una spada trafiggerà l’anima -, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori».   (Lc 2,34b-35)

 

Il brano di vangelo di oggi ci presenta il futuro del bambino Gesù di cui abbiamo festeggiato la nascita pochi giorni fa. Gesù è segno di contraddizione, in mezzo alla sua gente: sarà una pietra di scandalo per alcuni e una pietra di fondamento per risorgere a vita nuova per altri. Il futuro di Maria prevede che sarà “trapassata” da una spada, soffrirà per i contrasti delle vicende che vivrà il figlio. Le sofferenze di Gesù saranno le sofferenze della madre. La missione di Gesù e di Maria, incominciata nella gioia ed esultanza, si va coprendo di preoccupazioni e di tristezza che culmineranno nella Croce. La storia del Messia sofferente sarà lacerante per tutti, anche per la Madre: non si può seguire la nuova luce destinata al mondo intero senza pagare il prezzo, senza essere chiamati a compiere scelte rischiose.

 

Preghiamo

Chiedete pace per Gerusalemme:
vivano sicuri quelli che ti amano;

sia pace nelle tue mura,
sicurezza nei tuoi palazzi.

Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: “Su di te sia pace!”
Per la casa del Signore nostro Dio,
chiederò per te il bene.                

       (dal Sal 121)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi