Ap 1,10; 3,1-6; Sal 16; Lc 10,1b-12

 

"Ricorda come hai ricevuto e ascoltato la Parola, custodiscila e convertiti perchè, se non sarai vigilante, verrò come un ladro, senza che tu sappia a che ora io verrò da te". (Ap 3)

 

I discepoli di Gesù sono inviati ad annunziare al mondo la consolazione e la pace, ci dice il vangelo di Luca, e indica anche la modalità con cui proporsi alle genti: ‘come agnelli in mezzo ai lupi’. In spirito di servizio operoso, con rispetto degli ospiti, lasciando al Signore il giudizio verso chi non accoglie la sua parola. Ma se il discepolo deve presentarsi povero, austero, difucioso e affidato pienamente alla forza di Cristo che lo libera da ogni male, su chi ha ricevuto l’annuncio di salvezza ricade la responsabilità di non ‘sprecare’ la parola ricevuta, di non rifiutarla o trascurarla, perchè il Signore chiamerà alla riprova costoro nel momento che meno si aspettano.

 

Preghiamo col Salmo

Custodiscimi, Signore, come pupilla degli occhi, all’ombra dellle tue ali nascondimi, di fronte ai malvagi che mi opprimono ai nemici che mi accerchiano.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi