Es 3,1-15; Sal 67; Rom 8,14-17; Gv 16,12-15 – Ss. Trinità Tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, questi sono figli di Dio. (Rom 8) I testi della festività immediatamente successiva alla domenica di Pentecoste è quella dedicata alll Ss. Trinità ed i testi liturgici hanno come filo conduttore lo svelamento del nome di Dio. "Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco, il Dio di Giacobbe", dice Dio a Mosè sul monte Oreb. Gesù ai discepoli spiega come il Padre è rivelato dal Figlio e sarà lo Spirito a guidarli verso la gloria del Padre. L’apostolo Paolo testimonia che è grazie allo Spirito, donatoci dal Figlio, che possiamo dirci anche noi figli dello stesso Padre celeste. E se siamo figli siamo anche eredi, continua Paolo, per dire che possiamo ‘vantare’ dei diritti presso il Padre. La misericordia, il perdono, la vicinanza: sono le promesse che mai possono venir meno da parte del Dio che ci è Padre, ci ha donato il Figlio ed assicurato la sua grazia con lo Spirito. Preghiamo col Salmo  Di giorno in giorno benedetto il Signore: a noi Dio porta la salvezza. Il nostro Dio è un Dio che salva.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi