Ez 3, 1-15; Sal 75 (76); Gl 2, 21-27; Mt 9, 16-17 «Mangia ciò che ti sta davanti, mangia questo rotolo». (Ez 3, 1) Della Parola si può e si deve fare una esperienza esistenziale, ci si deve nutrire e percepirne anche con i sensi la presenza e l’efficacia: o la Parola è un nutrimento reale della vita o non offre nulla che sia significativo per la vita dell’uomo. Ciò che sostiene la missione del battezzato è la certezza che ciò che è chiamato ad annunciare è per il bene dell’uomo, non è una parola secondaria, marginale, una tra le tante. Ma la Parola è anzitutto per chi la deve annunciare, è la nostra sorgente, è la nostra gioia. L’esperienza del mangiare la Parola sia per noi quotidiana, sia reale nutrimento per la nostra fede che diventa allora visibile e credibile. La nostra vita, nutrita da un cibo che non mancherà mai, sarà anticipazione della vita piena nella casa del Padre. Preghiamo O Dio, tu sei il mio Dio dall’aurora io ti cerco, ha sete di te l’anima mia, desidera te la mia carne in terra arida, assetata, senz’acqua. (dal Sal 63)

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi