SETTIMANA DELLA II DOMENICA DOPO LA DEDICAZIONE

MERCOLEDÌ

 

 

LETTURA

Lettura del libro dell’Apocalisse di san Giovanni apostolo 18, 1-8

 

In quel giorno. Vidi un altro angelo discendere dal cielo con grande potere, e la terra fu illuminata dal suo splendore. / Gridò a gran voce: / «È caduta, è caduta Babilonia la grande, / ed è diventata covo di demòni, / rifugio di ogni spirito impuro, / rifugio di ogni uccello impuro / e rifugio di ogni bestia impura e orrenda. / Perché tutte le nazioni hanno bevuto / del vino della sua sfrenata prostituzione, / i re della terra si sono prostituiti con essa / e i mercanti della terra si sono arricchiti / del suo lusso sfrenato». / E udii un’altra voce dal cielo: / «Uscite, popolo mio, da essa, / per non associarvi ai suoi peccati / e non ricevere parte dei suoi flagelli. / Perché i suoi peccati si sono accumulati fino al cielo / e Dio si è ricordato delle sue iniquità. / Ripagàtela con la sua stessa moneta, / retribuìtela con il doppio dei suoi misfatti. / Versàtele doppia misura nella coppa in cui beveva. / Quanto ha speso per la sua gloria e il suo lusso, / tanto restituìtele in tormento e afflizione. / Poiché diceva in cuor suo: / “Seggo come regina, / vedova non sono / e lutto non vedrò”. / Per questo, in un solo giorno, / verranno i suoi flagelli: / morte, lutto e fame. / Sarà bruciata dal fuoco, / perché potente Signore è Dio / che l’ha condannata».            

 

 

SALMO

Sal 13 (14)

 

             ®  Venga da Sion la salvezza d’Israele.

 

Lo stolto pensa: «Dio non c’è».

Sono corrotti, fanno cose abominevoli:

non c’è chi agisca bene.

Il Signore dal cielo si china sui figli dell’uomo

per vedere se c’è un uomo saggio,

uno che cerchi Dio. ®

 

 

Sono tutti traviati, tutti corrotti;

non c’è chi agisca bene, neppure uno.

Non impareranno dunque tutti i malfattori,

che divorano il mio popolo come il pane

e non invocano il Signore?

Ecco, hanno tremato di spavento,

perché Dio è con la stirpe del giusto. ®

 

 

Voi volete umiliare le speranze del povero,

ma il Signore è il suo rifugio.

Chi manderà da Sion la salvezza d’Israele?

Quando il Signore ristabilirà la sorte del suo popolo,

esulterà Giacobbe e gioirà Israele. ®

 

 

VANGELO

Lettura del Vangelo secondo Giovanni 8, 12-19

 

In quel tempo. Di nuovo il Signore Gesù parlò agli scribi e ai farisei e disse: «Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gli dissero allora i farisei: «Tu dai testimonianza di te stesso; la tua testimonianza non è vera». Gesù rispose loro: «Anche se io do testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera, perché so da dove sono venuto e dove vado. Voi invece non sapete da dove vengo o dove vado. Voi giudicate secondo la carne; io non giudico nessuno. E anche se io giudico, il mio giudizio è vero, perché non sono solo, ma io e il Padre che mi ha mandato. E nella vostra Legge sta scritto che la testimonianza di due persone è vera. Sono io che do testimonianza di me stesso, e anche il Padre, che mi ha mandato, dà testimonianza di me». Gli dissero allora: «Dov’è tuo padre?». Rispose Gesù: «Voi non conoscete né me né il Padre mio; se conosceste me, conoscereste anche il Padre mio».    

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi