Una nuova città, la dimensione della notte, la fatica del cammino, la gioia della festa, la forza della testimonianza, il segno misterioso della Sindone, la santità a portata di occhi e cuore, l’esperienza forte della fede e della carità sono gli elementi che comporranno l’Incontro diocesano adolescenti 2015 che si terrà a Torino nella «Notte bianca della fede» fra il 24 e il 25 aprile 2015.


L’occasione per sperimentare questa nuova modalità d’incontro è l’Ostensione straordinaria della Sindone prevista per il Bicentenario della nascita di san Giovanni Bosco.


Gli adolescenti della nostra diocesi avranno l’opportunità di sostare davanti alla Sindone nel Duomo di Torino, dopo aver percorso la città incontrando alcune esperienze che parlano di crescita nella fede, di carità e accoglienza, di pace e di santità.


La notte farà da cornice all’incontro e ne caratterizzerà lo stile: la veglia di preghiera in un’ex area industriale, la camminata notturna lungo le vie di Torino, il silenzio che scandirà le testimonianze, la cattedrale e gli oratori torinesi aperti nel cuore della notte segneranno la straordinarietà di un evento che darà agli adolescenti un messaggio di fede e dirà in diversi modi che «Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici.» (Gv 15, 13)
 

Il tema
Le modalità dell'incontro
Programma
Iscrizioni
La preparazione

 

Il tema


«L’amore più grande» - il titolo dell’intera Ostensione 2015 - sarà lo slogan dell’Incontro diocesano adolescenti che, per le sue modalità particolari, assume la forma di una «Notte bianca della fede».

La morte e risurrezione del Signore Gesù sono stati il passaggio dalle tenebre alla luce, dal buio della notte alla luce di una vita nuova. Tutto l’amore di Dio si è manifestato nel dolore del Crocifisso. Toccare con mano questo dolore, in un certo senso attraversarlo – così come si attraversa la notte –  è la richiesta esigente che verrà fatta agli adolescenti affinché possano comprendere di essere amati nel modo più grande dal Signore. Ognuno, ri-scoprendo con stupore di aver ricevuto il dono di questo amore, potrà scegliere in modo nuovo di spendersi e dare la vita per i propri amici e fratelli.

È proprio davanti alla Sindone che gli adolescenti – come chiunque - potranno rendersi conto di quanto grande sia l’amore di Dio, perché quel lino «parla» di un crocifisso sofferente che ha dato la vita e ora è vivo.

Nella Chiesa molti hanno vissuto imitando il Signore crocifisso e risorto e sono diventati realizzatori di opere grandi. La città di Torino dà testimonianza dell’amore speso fino al dono di sé di tanti santi: Don Bosco, il Cottolengo, il Cafasso, il beato Pier Giorgio Frassati. La loro esperienza ispira le azioni di tanti credenti di oggi che varrà la pena di incontrare e con cui condividere un tratto del cammino.

La notte mostrerà dunque una luce che ogni notte rischia di nascondere ma che sarà evidente se si lascerà spazio allo stupore che nasce dalla fede.

 

  

Le modalità dell’incontro


I gruppi sono invitati a raggiungere la città di Torino entro le ore 19.00 di venerdì 24 aprile (con mezzi propri, pullman oppure in treno). A ciascun gruppo sarà indicato l’indirizzo di un oratorio che dovrà raggiungere come prima tappa dell’incontro. Gli oratori torinesi si sono resi disponibili per l’accoglienza, fornire spazi per le ore di riposo notturno e la colazione della mattina del 25 aprile.

Lasciati gli zaini (materassino e sacco a pelo) negli oratori, gli adolescenti raggiungeranno la Tettoia dell’Area Vitali nel Parco Dora (presso la Chiesa del Santo Volto; ingresso da via Borgaro ang. via Nole), dove si svolgerà alle 20.30 la festa di accoglienza nel tipico stile di animazione Fom. Fra le 19.00 e le 20.30 i gruppi si organizzeranno per la cena al sacco.

Sotto la Tettoia si svolgerà alle ore 21.30 la «Preghiera di ingresso nella notte» che sarà presieduta dall’Arcivescovo di Torino, Sua ecc.za mons. Cesare Nosiglia. Sarà il momento in cui si introdurrà il tema dell’incontro «L’amore più grande» e si creerà il clima per vivere la notte nello stile dell’ascolto.

La preghiera darà avvio alla camminata verso la Basilica di Maria Ausiliatrice che sarà fatta insieme secondo un ordine prestabilito che servirà per orientare i successivi percorsi di testimonianza. La camminata sarà animata da canti, gesti, preghiera, dialogo e silenzio. Sarà cura degli educatori dei gruppi accompagnare gli adolescenti a vivere il cammino secondo la scansione che verrà data. Ci sarà una sosta altamente simbolica in piazza Maria Ausiliatrice davanti alla statua di san Giovanni Bosco e alla facciata della Basilica che contiene le urne di Don Bosco, Madre Mazzarello, Domenico Savio.

Da lì si partirà per vivere gli incontri che sono segni dell’amore che fa crescere, si prende cura, fa la pace, vola alto. Sono previsti per ciascun gruppo due incontri di quaranta minuti circa, organizzati sotto la forma esperienziale, in quattro luoghi del centro cittadino. I luoghi sono: l’Oratorio di Valdocco e la Basilica di Maria Ausiliatrice (Don Bosco); l’Opera del Cottolengo; il Santuario della Consolata (dove sarà presentata la figura del beato Pier Giorgio Frassati); l’Arsenale della Pace (Sermig). Saranno comunicati per tempo ai gruppi partecipanti quali dei due incontri vivranno (lasciando la libertà, se interessati, di contattare le strutture escluse dalla «notte» per una visita nella giornata successiva).

Dopo i due incontri previsti, ciascun gruppo (a partire dall’1.30 ca.) si avvicinerà al luogo di ritrovo per l’ingresso nel Duomo di Torino e per la visita alla Sacra Sindone. Sarà il momento culminante della «Notte bianca della fede», preparato dal silenzio del percorso che ogni pellegrino compie per avvicinarsi al santo lino. Davanti alla Sindone si chiederà agli adolescenti di riconoscere i segni dell’«amore più grande», quelli di un uomo flagellato, coronato di spine e inchiodato alla croce che poi ha lasciato la sua immagine impressa in un lenzuolo che lo ha avvolto.

Al termine del percorso i gruppi saranno invitati a tornare negli oratori che li hanno accolti per il riposo.

Alle ore 8.00 è prevista la sveglia e la colazione per tutti. Occorrerà essere rapidi per raggiungere il prima possibile la Tettoia dell’Area Vitali, ancora una volta tutti insieme, per celebrare la Santa Messa dell’Incontro diocesano presieduta da Sua ecc.za mons. Pierantonio Tremolada, Vescovo ausiliare di Milano e Vicario per l’Evangelizzazione. L’Eucaristia inizierà alle ore 10.00: sarà il momento per fare sintesi dell’esperienza di fede, mettersi ancora una volta alla scuola della Parola del Pane spezzato e ricevere il mandato per fare della propria vita un dono d’amore per i propri amici.

 


Il gesto della restituzione

L’incontro diocesano adolescenti di quest’anno è un appello a sentirsi amati innanzitutto da Dio che ha mandato il suo unico figlio a dare la sua vita per l’intera umanità e per ciascuno di noi. L’immagine impressa sulla Sindone parla di questo amore in stretta analogia con tutto il Vangelo. Chi si sente amato ama e restituisce il dono ricevuto. Con questo spirito vorremmo compiere il «gesto della restituzione», così come ce la consegnano gli amici del Sermig di Torino. Vorremmo condividere il loro servizio per i poveri che è vissuto proprio come «restituzione» dell’amore ricevuto, chiedendo ad ogni adolescente di portare con sé un pacchetto di generi alimentari (la lista dei generi alimentari richiesti verrà inviata via mail dopo l’iscrizione) che possa essere consegnato al Sermig. La raccolta dei generi alimentari sarà effettuata all’arrivo presso la Tettoia dell’Area Vitali prima della Festa di accoglienza in un luogo che sarà indicato al momento.


 

Programma

 

ore 19.00 Accoglienza negli oratori di Torino
                   Spostamento verso la Tettoia dell’Area Vitali (Parco Dora)
                   Consegna del gesto di restituzione

ore 20.30 Gli Ado in Festa alla Tettoia dell’Area Vitali
                   (di fronte alla Chiesa del Santo Volto, ingresso da via Borgaro ang. via Nole)

ore 21.30 Preghiera di ingresso nella notte
                   presiede Sua Ecc.za Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino

ore 22.00 Luci nella notte
                   Camminata nella città

ore 22.45 Don Bosco è qui
                   Breve sosta nella Piazza della Basilica di Maria Ausiliatrice

ore 23.00 L’amore incontro
                   inizio dei percorsi di testimonianza (due incontri fra):
                   - L’amore che fa crescere            Don Bosco e l’Oratorio di Valdocco
                   - L’amore che si prende cura      Il Cottolengo
                   - L’amore che fa la pace              Il Sermig
                   - L’amore che vola alto                Piergiorgio Frassati e la Consolata

Dall’1.30  Uno squarcio nella notte
                  Gli Ado davanti alla Sindone

Dalle 3.00 ca. Riposo negli oratori dell’accoglienza

ore 8.00  Sveglia e colazione
                 Trasferimento alla Tettoia dell’Area Vitali

ore 10.00 L’amore più grande
                   Celebrazione eucaristica con gli adolescenti ambrosiani

                   presiede Sua Ecc.za Mons. Pierantonio Tremolada
                   Vescovo ausiliare di Milano e Vicario episcopale per l’Evangelizzazione


 

Il luogo della festa e della celebrazione

Il luogo della festa e della celebrazione sarà la Tettoia dell’Area Vitali nel Parco Dora di Torino (ingresso da via Borgaro ang. via Nole). Di fronte a questa ex area industriale, che ospitava la più grande acciaieria della Fiat, sorge la grande chiesa del Santo Volto (inaugurata nel 2006) e la sede della Curia arcivescovile della Diocesi di Torino. L’Area Vitali sarà facilmente raggiungibile con i propri mezzi (saranno a disposizione aree per il parcheggio), a piedi dagli oratori ospitanti o con la linea 3 e la linea 9 dei mezzi pubblici (fermata Piero della Francesca).



 

Le iscrizioni entro il 24 marzo 2015


Per partecipare all’incontro diocesano adolescenti occorre iscrivere il proprio gruppo attraverso il modulo online e versare il contributo spese di 10 euro a partecipante (da versare attraverso bonifico bancario o al ritiro del materiale in via Sant’Antonio 5 a Milano).

Il contributo spese non prevede il viaggio e la cena che saranno a cura dei gruppi partecipanti (prevede accoglienza, colazione, gadget identificativo, pass per l'ostensione valido per la notte).

Alla quota si può aggiungere l’acquisto del kit del pellegrino «Turin for young 2015» che la Pastorale dei Giovani e dei Ragazzi della Diocesi di Torino mette a disposizione di ogni partecipante all’Ostensione 2015 (sacca, t-shirt, guida del pellegrino). Il kit ha un costo aggiuntivo di 8 euro.


Proroga scadenza!
Il termine delle iscrizioni online è prorogato a venerdì 27 marzo 2015
.

 



Una notte in più

Grazie alla collaborazione con la Pastorale dei Giovani e dei Ragazzi di Torino e all’organizzazione «Turin for young 2015», sarà possibile ricevere ospitalità anche una seconda notte fra sabato 25 e domenica 26 aprile (versando una quota complessiva di 14 euro anziché 10 euro) e prevedendo, anche in questo caso, la possibilità dell’acquisto del kit del pellegrino.

Si potrà prevedere la visita di Torino e delle realtà che non sono state incontrate nella «Notte bianca della fede» prendendo contatti direttamente con i riferimenti per l’accoglienza di tali realtà (info su www.chiesadimilano.it/pgfom).

 

 

La preparazione

 

Al di là delle note organizzative, è di fondamentale importanza preparare gli adolescenti a vivere il prossimo Incontro diocesano adolescenti così come è stato pensato, costruendo per loro occasioni che sfocino in un percorso verso Torino. Il tema «L’amore più grande» mette in gioco i materiali messi a disposizione per l’Anno III dell’Itinerario diocesano adolescenti «È bello con te» che prevede la declinazione del verbo«Amare» attraverso le dimensioni del vissuto proprio degli adolescenti, della preghiera, del riferimento alla Parola di Dio e della testimonianza di fede (cf. sussidio e materiali scaricabili nella sezione «adolescenti» del nostro sito).

La Sindone svela l’immagine di un crocifisso e imprime nel suo lino la forza della risurrezione. Il modo migliore per preparare la «Notte bianca della fede» è vivere con gli adolescenti la profondità del tempo di Quaresima e della Settimana santa e trovare dopo Pasqua momenti di incontro dedicati a declinare il mistero della risurrezione.

Inoltre, nel mese di marzo,  metteremo a disposizione online alcune schede di preparazione che si potranno scaricare dalla pagina dedicata all’incontro. I temi delle schede saranno: La Sindone; Don Bosco; Pier Giorgio Frassati; Il Sermig; Il Cottolengo.