31.10.2016

L’uomo delle emergenze di Caritas Ambrosiana, il milanese Alberto Minoia, da venerdì 28 ottobre si trova nelle zone terremotate per valutare la situazione e rimodulare complessivamente l’intervento nelle aree colpite delle nuove scosse.   
«È come se ci fosse stato un altro terremoto – spiega -. Anche se questa volta non ci sono stati morti, sono decine di migliaia le persone sfollate. Ci sono anziani, che non possono stare nelle tende perché il freddo qui è già pungente, e allevatori che comprensibilmente non vogliono lasciare i loro animali e le aziende agricole che rappresentano il loro sostentamento, ma che rischiano di rimanere isolati».
Alberto Minoia, conosce bene quelle zone e ha operato in tutti gli scenari degli ultimi terremoti: in Umbria nel 97 e a L’Aquila nel 2009. Venerdì è stato inviato ad Amatrice per avviare i gemellaggi con le frazioni di Amatrice assegnate alle Caritas Lombarde. Ma le nuove scosse hanno cambiato il quadro.
«Domenica 30 sono salito a Visso, ogni tre minuti c’era una scossa, le strade per arrivarci erano impraticabili, noi stessi abbiamo dovuto fare un giro sulle montagne per arrivarci, per questo ho consigliato di rimandare l’installazione del centro polivalente che avevamo deciso di montare oggi». Lunedì 31, invece, le Caritas Lombarde hanno montato a Rieti la prima tenda magazzino di supporto agli operatori impegnati ad Amatrice e nelle 30 frazioni gemellate
Le scosse del 26 ottobre di magnitudo 5,9 ed epicentro tra Castelsantangelo sul Nera e Visso e l’ultima, fortissima del 30 ottobre, di magnitudo 6,5, sotto Norcia, hanno colpito duramente un’area molto estesa già in parte compromessa dal terremoto del 24 agosto. Una prima stima valuta che complessivamente potrebbero arrivare a 100 mila le persone costrette a lasciare le loro abitazioni.
A questo punto due diventano gli scenari d’azione di questa prima fase: gli alberghi sulla costa che stanno accogliendo gli sfollati e, nelle zone interne, le frazioni almeno fino a quando rimarranno le persone.
«Manderemo i volontari sulla costa per aiutare chi ha lasciato il proprio paese a rielaborare il trauma, e da subito, saremo con i nostri operatori all’interno per portare soccorso a chi è rimasto e non può o non vuole andarsene, per tutto il tempo che ce ne sarà bisogno. Gireremo casa per casa. Sarà un lavoro lungo, perché le nuove scosse hanno costretto a ricominciare tutto da capo i lavori di verifica degli immobili», sottolinea Minoia.
«Siamo di fronte non più a un solo terremoto, ma considerate le proporzioni, a due eventi sismici avvenuti in aree in parte sovrapponibili. Ciò implica anche una rimodulazione del nostro intervento. Per questo mentre avviamo i gemellaggi già concordati, siamo pronti a farci carico degli interventi di prima necessità anche nelle nuove aree. Abbiamo quindi già stanziato 50 mila per gli aiuti più urgenti e rilanciato la raccolta fondi», dichiara il direttore di Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti.
All’inizio della scorsa settimana Caritas Ambrosiana e le altre Caritas della delegazione lombarda avevano ricevuto mandato di gemellarsi con le frazioni attorno ad Amatrice: 30 piccoli borghi sparsi sui monti, lungo la faglia sorgente del sisma. Per questi interventi i fedeli ambrosiani hanno già donato, grazie alla prima raccolta fondi, 2.567.313 euro, di cui 1.213.313 raccolti dalle parrocchie grazie alla colletta nazionale della Cei promossa dalle Diocesi di Milano e 1.354.000 da Caritas Ambrosiana.
 

Si può donare con carta di credito sul sito www.caritasambrosiana.it
oppure:

In posta:
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.

Con bonifico:
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578 - BIC BPCVIT2S
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:
IT51S0558401600000000064700
C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT97Q0335901600100000000348
C/C presso Banca Popolare Etica, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT86E0501801600000000101545
C/C presso Banca Mediolanum intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT93T0306234210000001740731
Causale offerta: Terremoto Centro Itali

 
Oppure:
- presso l'Ufficio Raccolta Fondi
in Via S. Bernardino, 4 - Milano dal lunedì al giovedì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30 e il venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30
- con carta di credito telefonando al numero 02.76.037.324

Per qualsiasi informazione: offerte@caritasambrosiana.it


Le donazioni sono detraibili/deducibili fiscalmente.