Chi acquisterà le copie del quotidiano dei cattolici quella domenica (attraverso la “buona stampa” parrocchiale, oppure previa prenotazione) contribuirà alla raccolta nazionale a favore dell’Obolo di San Pietro


L’ultima domenica di giugno è tradizionalmente la «Giornata per la Carità del Papa». Un appuntamento che quest’anno si rinnova domenica 25 giugno e che chiama tutti i fedeli, come auspicato da papa Francesco, a condividere con lui la missione di rendere la Chiesa sempre più «segno di Dio» in mezzo agli uomini. Le offerte raccolte nelle Messe domenicali in tutte le parrocchie saranno destinate a favore del cosiddetto «Obolo di San Pietro», vale a dire «l’aiuto economico che i fedeli offrono al Santo Padre come segno di adesione alla sollecitudine del Successore di Pietro per le molteplici necessità della Chiesa universale e per le opere di carità in favore dei più bisognosi».

«È l’opportunità per metterci al fianco del Santo Padre per arrivare dove lo spinge il cuore», come sottolinea il segretario della Cei monsignor Nunzio Galantino. Una condivisione di responsabilità che si può assumere anche mediante l’acquisto di Avvenire: chi acquisterà le copie del quotidiano dei cattolici nell’edizione di domenica 25 giugno – in edicola o nella propria parrocchia – contribuirà direttamente alla raccolta nazionale a favore della Carità del Papa, alla quale tra l’altro il giornale dedicherà ampio spazio informativo.

In che modo le parrocchie possono contribuire all’iniziativa? Alla colletta sarà destinato il ricavato delle copie vendute attraverso la “buona stampa”. Nelle parrocchie non provviste di questo canale, entro lunedì 19 giugno uno o più incaricati dovranno contattare un’edicola di riferimento e prenotare le copie (minimo 20) del quotidiano del 25 giugno, concordando poi con l’edicolante modalità di ritiro e di pagamento. L’iniziativa avrà più probabilità di riuscire se sarà sufficientemente partecipata, coinvolgendo il più possibile il parroco e la comunità. A cose fatte l’incaricato manderà ad Avvenire un breve resoconto, con il numero di copie vendute e l’ammontare delle donazioni raccolte, che confluiranno in un apposito conto: Avvenire provvederà poi a effettuare una donazione di importo analogo all’Obolo di San Pietro. La redazione del quotidiano raccoglierà le testimonianze più significative per la successiva pubblicazione di articoli. Per qualsiasi informazione, su www.avvenire.it è disponibile un banner esplicativo («Tu e Avvenire insieme per Francesco»), oppure si può contattare il numero verde 800.923065

La promozione della Giornata attraverso la vendita di Avvenire ha il sostegno attivo dell’Azione Cattolica Italiana, che in decine di parrocchie mobiliterà i propri soci, chiedendo loro di trasformarsi in “strilloni” per quella giornata: «Il grido dei poveri non ci lasci indifferenti», è l’esortazione del presidente nazionale di Ac Matteo Truffelli.

A Milano anche lo sport di base di ispirazione cristiana, che trova la sua massima espressione nel Centro sportivo italiano, ha deciso di mobilitarsi per sostenere la colletta tramite l’acquisto di Avvenire: questo lo spirito della comunicazione inviata tramite newsletter a tutti i 15 mila tesserati Csi e del materiale informativo recapitato al centinaio di oratori che parteciperanno alle «Olimpiadi» in programma al Parco Experience di Rho dal 30 giugno al 2 luglio.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi