Nella giornata tradizionalmente dedicata al rinnovo delle quote, una riflessione sul senso e sulle forme dell’appartenenza all’Azione Cattolica, realtà ancora oggi “aperta” a incontrare molteplici domande di partecipazione e di servizio

di Silvia LANDRA
Presidente diocesana Azione Cattolica ambrosiana

immaginesito-adesion18-641x385

La raccolta annuale delle adesioni all’Azione Cattolica – da molti anni ormai l’8 dicembre è la data simbolo del rinnovo – rende inevitabile chiedersi quale è il senso di una appartenenza, ma soprattutto quali segni e quali azioni la rafforzano oggi.

Si sceglie di stare nella Chiesa in quanto donne e uomini credenti, contribuendo da protagonisti e non da comparse alla sua costruzione continua, non rinunciando a coniugare Vangelo e vita, tradizione e innovazione, conferme e inquietudini. C’è il desiderio dichiarato di essere presenze vive e critiche che al “noi” della Chiesa credono così tanto da volerci aggiungere il “noi” associativo, come un aiuto a non dimenticarselo mai.

Per questo scopo è efficace una associazione? Ci guardiamo attorno. Se è vero che la partecipazione sociale, politica ed ecclesiale non vive più i tempi d’oro di epoche passate, è altrettanto vero che sorgono forme nuove di aggregazione spontanea e non banale. La solitudine non attrae e le istanze portate insieme rendono quantomeno più snello il cammino. Se l’associazione ci tiene insieme con semplicità, ci sprona e ci lancia verso l’obiettivo grande a cui siamo chiamati, perché no?

Le forme dell’appartenenza cambiano e anche all’Ac è chiesto di ripensarne di nuove. Che fine hanno fatto, o meglio, che processo innestano oggi la tessera, il giornale, il sito? C’è ancora un tesseramento che esprime la conferma di un impegno e che costituisce la forza di un soggetto solido. Migliaia di tesserati dicono che l’interlocutore Azione Cattolica c’è, è un collettivo, parla e sceglie esercitando il metodo del discernimento comunitario. Le nuove domande di sostenibilità interrogano i tesserati più fedeli sulla possibilità di essere “sostenitori”, perché oggi l’autonomia associativa chiede anche questo. Ci sono molti altri credenti ormai fidelizzati all’Ac che non scelgono di aderire, ma di partecipare con costanza a eventi locali e diocesani promuovendoli anche presso altri. Sono amici e donatori, sono la conferma che l’Ac desidera essere una realtà molto permeabile, senza particolari dogane. C’è molta gente che attende una domanda di partecipazione.

In questa direzione vanno le iniziative della “tessera sospesa” (qualcuno paga una prima tessera per me, se decido di fare un percorso di approfondimento e mi lascio stuzzicare dalla sfida dell’appartenenza dichiarata) o dell’invito ad aderire per tutti coloro che partecipano alle iniziative diocesane. Il nostro sito si sta sviluppando in modo da fornire molto più spazio e attenzione ai percorsi del territorio. Il giornale on line è ormai una scelta dell’Ac nazionale che sta determinando le scelte di tutte le Ac locali, compresa quella ambrosiana che pubblica il giornale in rete. Tuttavia proprio attorno al giornale si sta anche sperimentando quale valore impagabile continui ad avere la rete umana nella Chiesa. Per tutti coloro che devono ricevere il giornale ma non hanno mezzi informatici, si è innescata una rete capillare e volontaria di consegna al domicilio.

Dietro un gesto così semplice c’è passione, c’è riconoscimento reciproco, c’è relazione che sviluppa il capitale umano, il segno tangibile o la rara dichiarazione pubblica di un “essere di AC” che spesso siamo molto timidi a pronunciare, preoccupati che dire troppo l’AC non dica correttamente la Chiesa di Dio, inclusiva e cattolica, che innanzitutto vogliamo servire.

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi