San Telesforo, papa e martire

s. telesforo

Telesforo era di origine greca. Si dice che, prima di venire a Roma, avesse praticato vita anacoretica, forse tra gli eremiti del Monte Carmelo. Per questo i Carmelitani considerano Telesforo come membro del loro ordine e lo onorano come uno dei loro santi. Successe a papa Sisto I nella sede di Roma, che resse – caso raro ai quei tempi – per undici anni, tre mesi e ventidue giorni, secondo la notizia del Liber Pontificalis.
Sant’Ireneo e, dopo di lui, Eusebio, asseriscono che Telesforo subì un “glorioso martirio”. A lui viene attribuita l’istituzione del digiuno quaresimale e l’introduzione delle tre Messe a Natale, in particolare quella di mezzanotte, con il canto del “Gloria in excelsis Deo”. Si tratta però di notizie che non hanno un fondamento storico sicuro. Papa Telesforo morì a Roma e fu sepolto in Vaticano.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi