San Francesco di Sales, vescovo e dottore della Chiesa

San-Francesco-di-Sales

Francesco nacque nel 1567, figlio del signore di Boisy dell’antico castello di Sales. Gli studi superiori li fece a Parigi, scegliendo come suoi maestri i gesuiti. Da Parigi passò a Padova, dove si laureò a pieni titoli in giurisprudenza. Ma rinunciò alla brillante carriera che gli si apriva dinanzi, e vedendo lo stato di abbandono in cui vivevano soprattutto i cristiani della regione di Chablais, a 26 anni si fece ordinare sacerdote nella cattedrale di Annecy (1593), mettendosi a disposizione del vescovo per la rievangelizzazione della Savoia.
La fine del secolo XVI non era un tempo felice per la Chiesa cattolica, soprattutto nei paesi dove le idee della Riforma si erano diffuse rapidamente. Nella Savoia la regione di Chablais era passata quasi interamente al calvinismo. Francesco si mise all’opera, prima con la predicazione e poi stampando le sue prediche su foglietti che lasciava presso le famiglie. La sua parola semplice e profonda, la sua personalità mite e comprensiva operavano il ritorno di molti alla fede dei padri. A trentadue anni fu designato vescovo coadiutore, e tre anni dopo vescovo titolare di Ginevra.
Nel suo governo pastorale fu zelante nell’applicare i decreti di riforma del Concilio di Trento. Pastore sollecito e direttore di anime, Francesco fondò l’Ordine della Visitazione, coadiuvato da Francesca Frémyot de Chantal. Scrisse varie opere di carattere spirituale, fra cui il Trattato dell’amor di Dio e la Filotea o Introduzione alla vita devota, dove si fa paladino di una santità che è per tutto il popolo di Dio, e non riservata a chi vive tra le mura dei monasteri: “È un errore, anzi un’eresia – scrive – voler escludere l’esercizio della santità dall’ambiente militare, dalla bottega degli artigiani, dalla corte dei principi, dalle case dei coniugati… Dovunque ci troviamo, possiamo e dobbiamo aspirare alla vita perfetta”. Moriva il 28 dicembre 1622 a Lione, e dopo soli 33 anni dalla morte era proclamato santo. Gli sarà poi dato anche il titolo di dottore della Chiesa. La sua festa si celebra il 24 gennaio, giorno della traslazione della sua salma ad Annecy.

 

E’ in corso la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani [18-25 gennaio 2018].

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi