San Roberto, abate

Nacque agli inizi dell’XI secolo in Alvernia. Affidato ai canonici di Saint Julien di Brioude, rimase presso di loro fino all’ordinazione sacerdotale. Nell’esercizio della sua missione, Roberto, incessantemente nutrito di preghiera, si dedicò con grande amore ai poveri e profonda sollecitudine verso i peccatori. Spinto dal desiderio di dedicarsi esclusivamente a Dio, decise poi di lasciare tutto per ritirarsi a Cluny, ma la popolazione della chiesa a lui affidata lo costrinse per il momento a restare. Dopo alcuni anni però si ritirò nella foresta del Livradois assieme a due compagni laici. Con loro visse dapprima una fase eremitica, ma poi adottò una forma di vita di tipo cenobitico.
Intorno al 1050 costruì un monastero che organizzò secondo la regola benedettina, e che prese il nome di Chaise-Dieu. Sotto la guida di Roberto l’abbazia in breve tempo divenne il centro di una congregazione fra le più importanti dell’XI-XII secolo. Alla morte di Roberto, avvenuta il 17 aprile 1067, la congregazione contava sette grandi priorati, un monastero femminile e altri priorati minori.
L’esperienza religiosa di Roberto si inserisce nel clima spirituale dell’XI secolo, fortemente segnato da tendenze eremitiche e aspirazioni di riforma monastica. Riunendo in sé dimensioni spirituali diverse, egli trovò un punto di sintesi nella scelta di una contemplazione mai disgiunta dall’azione a favore del prossimo.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi