San Damaso I, papa (IV secolo)

s. damaso
Spagnolo di origine, Damaso nacque probabilmente, a Roma, nel 305. Lo troviamo diacono, al fianco di papa Liberio, particolarmente dedito al culto della memoria dei martiri. Alla morte di papa Liberio, nel 366 fu chiamato a succedergli, ma gli si oppose un certo Ursino, che, nel tempo dell’esilio di Liberio, era stato eletto, sotto la spinta imperiale, invalidamente papa.
Tornata la pace nella comunità cristiana, Damaso convocò un concilio e con l’aiuto di grandi teologi e padri della Chiesa come Atanasio d’Alessandria, Gregorio di Nazianzo, Basilio il grande, Gregorio di Nissa e Ambrogio di Milano, riuscì a debellare definitivamente l’arianesimo. A Gerolamo, che Damaso elesse suo stretto collaboratore, affidò la revisione e la traduzione in latino della Bibbia, la così detta Volgata, perché il popolo cristiano potesse conoscere il testo sacro nella lingua quotidiana. Per alimentare, con l’esempio dei primi testimoni, la fede dei cristiani, Damaso continuò, per tutta la vita, a coltivare la devozione dei martiri e si prese cura delle loro tombe; fece incidere su lastre marmoree mirabili iscrizioni, da lui stesso composte, e trasformò le catacombe in santuari accessibili al culto dei fedeli. Morì l’11 dicembre 384.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi