San Vincenzo, diacono e martire

san-vincenzo

Vincenzo nasce a Huesca, nella penisola iberica, da una famiglia consolare. Per gli studi fu affidato alle cure del vescovo di Saragozza, Valerio. Divenuto arcidiacono, svolse con competenza i due servizi che caratterizzano il ministero diaconale: l’amministrazione dei beni della comunità e la predicazione del Vangelo. Durante la persecuzione di Diocleziano, Vincenzo venne arrestato e portato a Valenza insieme al vescovo Valerio, dove fu torturato e rinchiuso in prigione.
Posto agli arresti domiciliari perché ritrattasse la sua fede in Cristo, non si piegò, e fu decapitato il 22 gennaio 304. In questo giorno si celebra la sua festa liturgica. La fama del suo martirio, come scrisse sant’Agostino, si diffuse subito “fin dove si estende l’impero romano o il nome cristiano” (Sermo 276,14). Su Vincenzo martire scrissero anche Paolino da Nola, Prudenzio (nel Peristephanon) e Venanzio Fortunato. Del suo martirio abbiamo una redazione del III secolo, raccolta nel Pasionario hispanico.

 

E’ in corso la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani [18-25 gennaio 2018].

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi