Es 6,1-13; Sal 92; Rm 9,1-5; Mt 5,17-19

Dio non ha dimenticato il suo popolo. (Es 3)

Mosè è scelto a guidare il popolo degli israeliti fuori dall’Egitto e a guidarlo verso una terra di letizia e prosperità, dove vivono altri popoli con cui dovrà convivere nella pace. Una promessa e un dono, ma alla realizzazione di quanto offerto da Dio deve contribuire anche il popolo con la sua fedeltà al suo Signore e per questo intercede lo stesso Mosè. Anche Paolo è scelto da Dio perchè annunzi il vangelo e Gesù il Cristo in mezzo alle genti, nonostante sia stato un tenace persecutore dei discepoli di Gesù, ed anche per lui, come per Mosè grande fatica è farsi intendere proprio dal popolo cui è inviato. L’intervento di Dio non si misura, infatti, sulla capacità dei singoli ma sulla ferma alleanza di Dio col popolo della storia. Il regno di Dio è annunziato a tutti e ognuno deve sforzarsi di entrarvi.

Preghiamo col Salmo

Stabile è il tuo trono da sempre,
dall’eternità tu sei.
Più del fragore di acque impetuose,
più potente dei flutti del mare,
potente nell’alto è il Signore.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi