Lunedì, Settimana della III Domenica di Pasqua

At 8,5-8; Sal 77 (78); Gv 5,19-30

«Gesù riprese a parlare e disse loro: “In verità, in verità io vi dico: il Figlio da se stesso non può fare nulla, se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo”». (Gv 5,19)

La tentazione di “fare da sé” è una delle più insidiose e radicate nell’intimo dell’uomo, spesso addirittura con l’arroganza di pensare che “chi fa da sé fa per tre!”. Questa tentazione non è altro che lo stesso peccato originale che fin dalla creazione accompagna l’uomo: la pretesa, cioè, di bastare a se stessi, di poter fare a meno di Dio o, addirittura, di sostituirsi a lui.
La testimonianza di Gesù ci insegna, invece, che l’uomo si salva, cioè realizza se stesso, la sua vocazione e i suoi progetti, soltanto nella misura in cui si affida al Padre e fa ciò che lui ha fatto.
La vita eterna, cioè la vita piena, vera, buona, che comincia già qui, che è iniziata dall’alba della risurrezione di Gesù, è quella vita nella quale il nostro agire imita l’agire di Dio, il nostro cammino ci fa sempre più simili a lui. A questo dobbiamo tendere e la testimonianza di Gesù indica che la strada è percorribile.

 

Preghiamo

Ti rendiamo grazie Signore
perché non ci lasci mai soli,
nonostante la nostra tentazione ad arrangiarci per conto nostro.
Grazie perché ci indichi la strada
che conduce alla pienezza dell’eternità della vita.

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi