Martedì, Settimana della II domenica dopo l’Epifania

Lettura
Lettura del libro del Siracide 44, 1; 45, 23 – 46, 1

Facciamo ora l’elogio di uomini illustri, / dei padri nostri nelle loro generazioni. / Fineès, figlio di Eleàzaro, fu il terzo nella gloria, / per il suo zelo nel timore del Signore, / per la sua fermezza quando il popolo si ribellò, / per la bontà coraggiosa della sua anima; / egli fece espiazione per Israele. / Per questo con lui fu stabilita un’alleanza di pace, / perché presiedesse al santuario e al popolo; / così a lui e alla sua discendenza fu riservata / la dignità del sacerdozio per sempre. / Per l’alleanza fatta con Davide, / figlio di Iesse, della tribù di Giuda, / l’eredità del re passa solo di figlio in figlio, / l’eredità di Aronne invece passa a tutta la sua discendenza. / Vi infonda Dio sapienza nel cuore, / per giudicare il suo popolo con giustizia, / perché non svanisca la loro prosperità / e la loro gloria duri per sempre. / Valoroso in guerra fu Giosuè, figlio di Nun, / successore di Mosè nell’ufficio profetico; / secondo il suo nome, / egli fu grande per la salvezza degli eletti di Dio, / compiendo la vendetta contro i nemici insorti, / per assegnare l’eredità a Israele.

 

Salmo
Sal 77 (78)

          ®   Diremo alla generazione futura le lodi del Signore.

Il Signore li fece entrare nei confini del suo santuario,
questo monte che la sua destra si è acquistato.
Scacciò davanti a loro le genti
e sulla loro eredità gettò la sorte,
facendo abitare nelle loro tende
le tribù d’Israele. ®

Scelse la tribù di Giuda,
il monte Sion che egli ama.
Egli scelse Davide suo servo
e lo prese dagli ovili delle pecore. ®

Lo allontanò dalle pecore madri
per farne il pastore di Giacobbe, suo popolo,
d’Israele, sua eredità.
Fu per loro un pastore dal cuore integro
e li guidò con mano intelligente. ®

 

Vangelo
Lettura del Vangelo secondo Marco 3, 22-30

In quel tempo. Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni». Ma il Signore Gesù li chiamò e con parabole diceva loro: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna». Poiché dicevano: «È posseduto da uno spirito impuro».

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi