S. Francesco di Sales, vescovo e dottore della Chiesa

 

MARTEDÌ DELLA SETTIMANA
DELLA III DOMENICA DOPO L’EPIFANIA

 

 

LETTURA
Lettura del libro del Siracide 44, 1; 48, 1-14

Facciamo ora l’elogio di uomini illustri, / dei padri nostri nelle loro generazioni. / Sorse Elia profeta, come un fuoco; / la sua parola bruciava come fiaccola. / Egli fece venire su di loro la carestia / e con zelo li ridusse a pochi. / Per la parola del Signore chiuse il cielo / e così fece scendere per tre volte il fuoco. / Come ti rendesti glorioso, Elia, con i tuoi prodigi! / E chi può vantarsi di esserti uguale? / Tu hai fatto sorgere un defunto dalla morte / e dagl’inferi, per la parola dell’Altissimo; / tu hai fatto precipitare re nella perdizione, / e uomini gloriosi dal loro letto. / Tu sul Sinai hai ascoltato parole di rimprovero, / sull’Oreb sentenze di condanna. / Hai unto re per la vendetta / e profeti come tuoi successori. / Tu sei stato assunto in un turbine di fuoco, / su un carro di cavalli di fuoco; / tu sei stato designato a rimproverare i tempi futuri, / per placare l’ira prima che divampi, / per ricondurre il cuore del padre verso il figlio / e ristabilire le tribù di Giacobbe. / Beati coloro che ti hanno visto / e si sono addormentati nell’amore, / perché è certo che anche noi vivremo. / Appena Elia fu avvolto dal turbine, / Eliseo fu ripieno del suo spirito; / nei suoi giorni non tremò davanti a nessun principe / e nessuno riuscì a dominarlo. / Nulla fu troppo grande per lui, / e nel sepolcro il suo corpo profetizzò. / Nella sua vita compì prodigi, / e dopo la morte meravigliose furono le sue opere.

 

SALMO
Sal 77 (78)

 

   ®   Splendido tu sei, o Signore.

 

Peccarono ancora
e non ebbero fede nelle sue meraviglie.
Allora consumò in un soffio i loro giorni
e i loro anni nel terrore.
Quando li uccideva, lo cercavano
e tornavano a rivolgersi a Dio. ®

 

Ricordavano che Dio è la loro roccia
e Dio, l’Altissimo, il loro redentore;
lo lusingavano con la loro bocca,
ma gli mentivano con la lingua:
il loro cuore non era costante verso di lui
e non erano fedeli alla sua alleanza. ®

 

Ma lui, misericordioso, perdonava la colpa,
invece di distruggere.
Molte volte trattenne la sua ira
e non scatenò il suo furore;
ricordava che essi sono di carne,
un soffio che va e non ritorna. ®

 

VANGELO

Lettura del Vangelo secondo Marco 4, 26-34

In quel tempo. Il Signore Gesù diceva: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi