MARTEDÌ DELLA SETTIMANA
DELLA PENULTIMA DOMENICA DOPO L’EPIFANIA

 

LETTURA
Lettura del libro della Sapienza 11, 24 – 12, 8a. 9a. 10-11a. 19

Tu ami tutte le cose che esistono / e non provi disgusto per nessuna delle cose che hai creato; / se avessi odiato qualcosa, non l’avresti neppure formata. / Come potrebbe sussistere una cosa, se tu non l’avessi voluta? / Potrebbe conservarsi ciò che da te non fu chiamato all’esistenza? / Tu sei indulgente con tutte le cose, perché sono tue, / Signore, amante della vita. / Poiché il tuo spirito incorruttibile è in tutte le cose. / Per questo tu correggi a poco a poco quelli che sbagliano / e li ammonisci ricordando loro in che cosa hanno peccato, / perché, messa da parte ogni malizia, credano in te, Signore. / Tu hai odiato gli antichi abitanti della tua terra santa, / perché compivano delitti ripugnanti, / pratiche di magia e riti sacrileghi. / Questi spietati uccisori dei loro figli, / divoratori di visceri in banchetti di carne umana e di sangue, / iniziati in orgiastici riti, / genitori che uccidevano vite indifese, / hai voluto distruggere per mezzo dei nostri padri, / perché la terra a te più cara di tutte / ricevesse una degna colonia di figli di Dio. / Ma hai avuto indulgenza anche di costoro, perché sono uomini. / Pur potendo in battaglia dare gli empi nelle mani dei giusti, / giudicando invece a poco a poco, lasciavi posto al pentimento, / sebbene tu non ignorassi che la loro razza era cattiva / e la loro malvagità innata, / e che la loro mentalità non sarebbe mai cambiata, / perché era una stirpe maledetta fin da principio. / Con tale modo di agire hai insegnato al tuo popolo / che il giusto deve amare gli uomini, / e hai dato ai tuoi figli la buona speranza / che, dopo i peccati, tu concedi il pentimento.   

SALMO
Sal 61 (62)

    ® Tua, Signore, è la grazia; tua la misericordia.

Sì, sono un soffio i figli di Adamo,
una menzogna tutti gli uomini:
tutti insieme, posti sulla bilancia,
sono più lievi di un soffio. ®

Non confidate nella violenza,
non illudetevi della rapina;
alla ricchezza, anche se abbonda,
non attaccate il cuore. ®

Una parola ha detto Dio,
due ne ho udite:
la forza appartiene a Dio,
tua è la fedeltà, Signore;
secondo le sue opere
tu ripaghi ogni uomo. ®

VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Marco 10, 46b-52

In quel tempo. Mentre il Signore Gesù partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.   
 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi