Ss. Vigilio, vescovo, e Sisinio, Martirio e Alessandro, martiri (IV secolo)

Martiri

Vigilio, terzo vescovo di Trento, visse nel IV secolo e fu amico di sant’Ambrogio. Ottenne da lui tre missionari per evangelizzare la Val di Non: Sisinio, Martirio e Alessandro, che furono martirizzati nel 397, il 29 maggio, in località san Zeno. Di loro dà testimonianza Vigilio stesso in due sue lettere: una indirizzata a san Simpliciano, successore di Ambrogio, e l’altra a san Giovanni Crisostomo. Scrive di loro che erano oriundi dell’Asia minore; Sisinio, uomo già anziano, era cristiano fin dall’infanzia, e dopo aver edificato la prima chiesa in Val di Non, fu ordinato diacono di quella stessa chiesa.
Degli altri due suoi compagni, il lettore Martirio, che anteriormente al catecumenato era di professione militare, esercitava la funzione di cantore e catechista, mentre Alessandro, suo fratello, era ostiario della chiesa. Sisinio trovò la morte nell’opporsi all’imposizione fatta a una famiglia cristiana di sacrificare agli idoli; aggredito dalla popolazione locale inferocita, fu ucciso assieme a Martirio. Dopo averli gettati sul rogo, innalzato con le travi della chiesa abbattuta, volevano costringere Alessandro ad apostatare. Ma egli, pronunciando la sua professione di fede, ancora vivo, affrontò le fiamme.
Le loro reliquie furono inviate da Vigilio a Costantinopoli e a Milano dove il loro culto è ancora vivo oggi.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione Maggiori Informazioni

Informazioni sui cookie


I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento: Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito. Vedi il provvedimento del Garante

Chiudi